HomeBlogCasaUna giornata al FuoriSalone 2017 (parte 2°)

Una giornata al FuoriSalone 2017 (parte 2°)

Comincio questa seconda giornata dedicandomi al distretto Tortona Design Week e percorro per la prima volta la nuova passerella BIKI che attraversa i binari dalla stazione di Porta Genova a via Tortona.

Questo distretto è caratterizzato dalla presenza di tante novità, progetti e designer provenienti da tutto il mondo che con le loro esposizioni temporanee all’interno di spazi creati per l’occasione ci regalano una miscellanea di idee e nuovi concetti all’insegna dell’ecosostenibilità.

   
 la nuova passerella BIKI  un mix tra moto d’epoca e bio food

All’interno dello spazio Base, ex Ansaldo, il tema è il Design Nomade, dove vengono allestiti spazi di nuova concezione per il vivere contemporaneo ideati da 24 designer internazionali, come la casa sull’acqua di Daniel Durin e la casa portatile di Elena Bompani.

la casa portatile di Elena Bompani la casa sull’acqua di Daniel Durin

Sempre in via Tortona, Superstudio anche quest’anno lancia per il progetto Superdesign Show, dove il tema conduttore è la tecnologia e la ricerca, l’esaltazione del colore con TIME to COLOR! dove installazioni spettacolari esaltano i prodotti dei designer e degli artisti.

i tamburi di vetro di AGC design polacco

Possiamo trovare dai vetri dei Giapponesi AGC Asahi Glass, trasformati anche in strumenti musicali, ai tappeti disegnati da Karim Rashid o le installazioni giganti di Charles Petillon per Sunbrella e tutto un padiglione dedicato ad artisti emergenti in collaborazione con eBay.

l’installazione gigante di Sunbrella i tappeti in 3D di Karim Rashid

Altra parte interessante, che sempre mi affascina, è quella che propone il meglio dell’innovazione dei materiali, da sempre curata da Material Connexion, dove possiamo trovare le ultime novità sui materiali tecnologicamente più avanzati e le loro applicazioni, dalle pitture che assorbono gli odori ai tessuti in carbonio ai nuovi materiali plastici ultraleggeri o il silicone reinterpretato dall’artista Alessandro Ciffo.

lo spazio dedicato da eBay ai nuovi artisti emergenti le opere d’arte in silicone dell’artista Alessandro Ciffo

Passo ora ad un altro distretto quello di Ventura Lambrate dove posso introdurmi tra i giovani talenti di tutto il mondo con spazi allestiti che ricordano gli stand di un grande mercatino, fucina di nuovi creativi e piccole aziende che fanno bella mostra dei loro progetti e prodotti.

Qui si può trovare di tutto e le mostre coinvolgono anche i vecchi negozi delle cinque vie coinvolte dalla manifestazione.
In via Privata Oslavia invece ci sono le idee delle migliori scuole di design d’Europa tra cui Lund University of Industrial design, University of technology di Graz, la danese Via University, il Politecnico di Valencia, l’università Lappone di Lapland e l’Academy of arts, architecture and design di Praga.

una curiosa moka decorata lo spazio allestito da Ikea

Anche IKEA ha un suo spazio allestito in via Ventura, “Let’s make room for life”, con l’esposizione di sei collezioni nate dalla collaborazione con i designer danesi.

Non poteva mancare una visita allo studio dell’architetto Simone Micheli che anche quest’anno contribuisce con le sue idee innovative alla buona riuscita dell’evento regalandoci una visione virtuale delle tre nuove suite che verranno realizzate per il TownHouse Duomo, muovendoci all’interno del progetto e visitandole come se fossero reali.

le suite virtuali di Simone Micheli per il TownHouse Duomo

Concludo questa intensa giornata recandomi presso lo studio di Andrea Castrignano per un evento di presentazione del progetto PRE-FABulous dove viene rivisto il concetto di casa prefabbricata che viene rielaborata e rivisitata una nuova chiave sartoriale e di design, totalmente ecocompatibile e di alta valenza tecnologica. Una nuova dimensione dell’abitare con materiali ecologici, nel rispetto dell’ambiente e del risparmio energetico.

la casa ecologica di Andrea Castrignano il progetto PRE-FABulous

 

Se lo hai trovato interessante... condividi, grazie!

Patrizia Ghinassi

Attività: titolare di BGF ITALIA – Solution for Interiors and retail
Interessi: Architettura, design, nuovi materiali, luxury, fotografia, arte, musica, viaggi, moto
Il mio percorso professionale inizia nel 1990 cominciando a disegnare arredamenti di interni e non mi sono ancora fermata, la mia voglia di ricercare sempre migliori servizi e cose nuove da proporre ai miei clienti mi ha portato a creare nel 2010 la ditta BGF che nel 2016 è diventata BGF ITALIA, racchiudendo al suo interno i settori di servizi e forniture per il retail e quello di interiors design.
Hobby: tarsie lignee, viaggi in moto e all’estero
Sede: Garbagnate Milanese (Mi)
Luogo di attività: Tutto il territorio nazionale, Europa, America

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Leggete anche...

Immobiliare: in Italia servono nuovi progetti.

E’ urgente una nuova fase progettuale in Italia. Se ne parla in ...