HomeBlogCasaImpianti audio invisibili – la musica si sente ma non si vede

Impianti audio invisibili – la musica si sente ma non si vede

Quando pensiamo ad ristrutturare la nostra casa o ad arredarla spesso, a posteriori, ci rendiamo conto di non aver dato la giusta importanza agli impianti di diffusione sonora, magari abbiamo pensato a nascondere o a predisporre delle prese dietro al divano per poter avere l’effetto “HOME THEATRE” ma nel momento di pensare alle casse acustiche ci accorgiamo che sono poco estetiche, ingombranti e che non sappiamo come farle sparire o dove metterle.
Il design dei diffusori sonori negli ultimi tempi sta facendo grandi passi ma non sempre si riesce a coniugare l’estetica con la funzionalità, è vero che possiamo trovare in commercio casse delle forme più disparate e facilmente occultabili ma dobbiamo sempre pensare che per quanto esteticamente gradevoli se vogliamo “sentire” bene si deve avere la massa e quindi la cassa acustica con la sua bella dimensione.
Esistono sostanzialmente due modi per avere impianti invisibili, con casse acustiche da incasso per pareti e controsoffitti o mini altoparlanti magnetostrittivi che trasmettono il suono attraverso i materiali su cui sono applicati.
I diffusori a scomparsa sono degli apparecchi di poco spessore che vengono incassati a parete o a soffitto mediante dei telai appositi e poi rivestiti con la stessa finitura della parete, pittura, tappezzeria, ecc.

installazione-altoparlanti-invisibili
esempio di installazione diffusori a scomparsa a parete

I mini altoparlanti invece sono piccoli e praticamente invisibili e applicati ai nostri soffitti, vetrate o pavimenti tramettono il suono attraverso il materiale a cui sono applicati trasformando il materiale stesso nell’altoparlante, il beneficio consiste nel fatto che è tutto l’ambiente a suonare diffondendo uniformemente il suono.

trasduttore-magnetostrittivo
esempio di mini altoparlante magnetostrittivo applicato a una vetrata

Avremo così impianti sonori completamente invisibili ed essere nel nostro ambiente ci darà la sensazione di essere letteralmente avvolti dalla musica senza percepire distintamente l’origine del suono.
Questi impianti sono adatti oltre che in appartamenti anche in hotel, SPA e locali commerciali ad esempio per attirare la clientela stupendola con suoni che possono essere attivati anche mediante sensori di prossimità quando le persone si avvicinano alle vetrine.
Per realizzare l’impianto in maniera corretta bisogna avvalersi di ditte specializzate che potranno consigliare la soluzione più idonea al risultato che si vuole ottenere, fornendo una semplice planimetria del locale è possibile avere in dettaglio il posizionamento dei vari diffusori e valutare le potenze da impiegare per la massima resa.

Se lo hai trovato interessante... condividi, grazie!

Patrizia Ghinassi

Attività: titolare di BGF ITALIA – Solution for Interiors and retail
Interessi: Architettura, design, nuovi materiali, luxury, fotografia, arte, musica, viaggi, moto
Il mio percorso professionale inizia nel 1990 cominciando a disegnare arredamenti di interni e non mi sono ancora fermata, la mia voglia di ricercare sempre migliori servizi e cose nuove da proporre ai miei clienti mi ha portato a creare nel 2010 la ditta BGF che nel 2016 è diventata BGF ITALIA, racchiudendo al suo interno i settori di servizi e forniture per il retail e quello di interiors design.
Hobby: tarsie lignee, viaggi in moto e all’estero
Sede: Garbagnate Milanese (Mi)
Luogo di attività: Tutto il territorio nazionale, Europa, America

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Leggete anche...

Una giornata al FuoriSalone 2017 (parte 2°)

Comincio questa seconda giornata dedicandomi al distretto Tortona Design Week e percorro ...