HomeBlogCulturaHitchcock a 30 anni dalla sua morte: cos’è cambiato?

Hitchcock a 30 anni dalla sua morte: cos’è cambiato?

Sir Alfred Joseph Hitchcock, uno tra i più illustri nel panorama cinematografico mondiale, si è spento esattamente 36 anni fa. Nonostante il passare degli anni però la sua impronta e la sua indiscutibile avanguardia, continuano a far mormorare.

3rd May 1966: British film director Alfred Hitchcock (1899 - 1980) in Cambridge. (Photo by Peter Dunne/Express/Getty Images)

Tra i successi imprescindibili ricordiamo La finestra sul cortile, La donna che visse due volte, Intrigo internazionale, Gli uccelli, Il delitto perfetto, L’uomo che sapeva troppo e, ovviamente, Psyco.

Ma cosa ha reso Hitchcock l’Immenso Hichcock? Difficile rispondere brevemente. Hitchcock è divulgatore ed interprete della psicoanalisi, fondamentale nodo nelle sue proposte; oltre a ciò l’uso della suspense è la reale firma che il cineasta pone nei suoi lavori, aumentando la tensione e preparando lo spettatore alla folgorazione. Altra chiave di volta sono di certo il simbolismo e la metafora, sempre presenti e basilari per comprendere a fondo i suoi lavori.

Non può e non deve essere dimenticato l’enorme e sconvolgente patrimonio regalato da Hitchcock: colonne sonore, occhi irrequieti e il sentimento d’ansia che ti assale, elementi senza i quali il cinema non sarebbe, oggi, lo stesso.

Per saperne di più clicca qui -> http://www.thatsalltrends.com/cinema/hitchcock-30-anni-dalla-morte-cose-cambiato/14243c01f199bfaef45828d5516c41aa

Se lo hai trovato interessante... condividi, grazie!

TATs

TATs
That’s All Trends è un sito che si propone di darvi notizie di Moda, Bellezza, Lifestyle senza annoiare, grazie ad una sana dose d’ironia e classe. Siamo giovani, ricchi di stile, sarcastici quanto basta e con quell’humour tutto rosa e fiori tipico del lunedì mattina con una settimana di lavoro davanti.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Leggete anche...

La rivincita dei lettori

Avete presente l’immaginario del topo di biblioteca? Quali uomini tutti aggobbiti, con ...